Verona Tomorrow
Accedi

Atto vandalico su monumento agli ex internati: un gesto condannato da tutti

Ignoti hanno "decorato" il monumento agli ex internati dei lager nazisti con bandiere contenenti svastiche a pochi giorni dalla Giornata della Memoria.

A pochi giorni dalla celebrazione del Giorno della Memoria, un gesto vandalico ha scosso la comunità di Balconi di Pescantina, dove ignoti hanno decorato il monumento agli ex internati dei lager nazisti con bandiere contenenti svastiche. Queste bandierine rosse, con la svastica nera al centro, portavano anche un messaggio provocatorio che ha suscitato indignazione. Nel messaggio, Israele è paragonato in modo sprezzante ai nazisti, evidentemente riferendosi al conflitto in corso in Medio Oriente e all’occupazione della Striscia di Gaza.

Le svastiche, apparse durante la notte, sono state prontamente rimosse dalle autorità, e le indagini dei carabinieri sono in corso per identificare gli autori di questo atto vandalico.

Reazioni alla vandalizzazione del monumento sono state immediate e nette. Il segretario provinciale del Partito Democratico Veronese, Franco Bonfante, e la segretaria del circolo di Pescantina, Silvana Fadini, hanno espresso una condanna ferma nei confronti di questo gesto. Hanno sottolineato che qualsiasi tentativo di stabilire un parallelo tra la tragedia dell’Olocausto e il conflitto israelo-palestinese è assolutamente inaccettabile. Tale confronto viene visto come un segno di profonda ignoranza storica e insensibilità. Inoltre, hanno osservato che la scelta di decorare il monumento agli ex internati è del tutto arbitraria, dato che il monumento commemora il ritorno in Italia, tra il 1945 e il 1947, di migliaia di internati militari, deportati civili e lavoratori sopravvissuti ai campi di concentramento nazisti in Germania. Queste persone hanno trovato rifugio e assistenza in Italia, un atto di umanità in un periodo buio della storia.

In un momento in cui la memoria dell’Olocausto dovrebbe essere rispettata e onorata, gesti come questo mettono in evidenza la necessità di educare le future generazioni sulla storia e promuovere la comprensione e la tolleranza tra le diverse comunità. Il vandalismo sul monumento agli ex internati è stato condannato da tutti coloro che apprezzano la memoria storica e cercano di promuovere la pace e la coesione tra i popoli. È un richiamo al fatto che il dovere della memoria deve essere sempre affrontato con rispetto e sensibilità.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il resoconto dell'incidente avvenuto il 22 febbraio con operazioni di soccorso e rilievi delle autorità...
Giovane irregolare sorpreso con hashish e cocaina, in attesa di udienza di convalida...
Un violento tamponamento coinvolge sull'A22 del Brennero un furgone e un mezzo pesante...
Verona Tomorrow