Verona Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Valorizzare il rispetto, un fronte unito contro bullismo e cyberbullismo

Iniziative a Verona e dintorni per promuovere consapevolezza e uso responsabile di internet tra i giovani.

In diverse località di Verona e del suo territorio circostante, si sono tenute varie attività volte a sensibilizzare la comunità sulle problematiche del bullismo e del cyberbullismo, promuovendo un uso più consapevole delle tecnologie digitali. Nell’ambito di una scuola media, incontriamo personaggi come Tommaso, che si distingue per il suo peso superiore alla media influenzata dai canoni estetici di social network e televisione; Giulia, oggetto di scherno per il suo amore per lo studio; e Paolo, che subisce prese in giro a causa della sua famiglia composta da due madri.

Questi studenti rappresentano esempi concreti di come il bullismo possa colpire indiscriminatamente, mettendo in luce la necessità di promuovere valori come il rispetto, l’ascolto e il dialogo nelle diverse sfere sociali, dalla scuola al luogo di lavoro, passando per le aree di svago. Questi valori sono essenziali per contrastare non solo chi commette atti di bullismo ma anche l’indifferenza di chi, pur assistendo a tali episodi, sceglie di rimanere in silenzio, simboleggiati nel libro “Mannaggia agli struzzi” di Giampaolo Trevisi come “gli struzzi”.

Il volume di Trevisi, che ha debuttato in concomitanza con la giornata dedicata alla lotta contro il bullismo, è supportato dal Comune di Verona e si propone come strumento di sensibilizzazione nelle scuole, promuovendo incontri tra l’autore, gli studenti e rappresentanti istituzionali per stimolare il dialogo e la riflessione su questi temi. Le narrazioni contenute nel libro, basate su eventi di bullismo e cyberbullismo di lieve entità in un contesto scolastico, mirano a evidenziare l’importanza di una cultura basata sul rispetto reciproco e sulla prevenzione di tali fenomeni.

L’obiettivo di queste iniziative è duplice: ridurre il numero di “struzzi”, ovvero coloro che restano indifferenti di fronte al bullismo, e promuovere un ambiente in cui prevalgano l‘ascolto e il sostegno reciproco.

In occasione del “Safer Internet Day“, i carabinieri hanno organizzato incontri pubblici per discutere di cyberbullismo, truffe online e un uso responsabile dei social network, sottolineando l’importanza di un’educazione digitale.

Iniziative come queste, che vedono la partecipazione attiva di studenti e insegnanti, si prefiggono di costruire una cultura della legalità e del rispetto, indispensabili per navigare sicuri nello spazio digitale e nella vita reale, promuovendo un senso di responsabilità collettiva verso le problematiche sociali contemporanee.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Verona Tomorrow