Verona Tomorrow
Accedi

PD Verona, soluzioni innovative per la crisi abitativa

Proposte concrete per superare l'emergenza alloggi con il supporto di Agec

Il Partito Democratico (PD) di Verona sollecita Agec a dare priorità alla crisi abitativa, sottolineando la propria fermezza sulla decisione di alienare alcune attività gestite da Agec, inclusi i punti vendita farmaceutici. Il PD ritiene che Agec rappresenti uno strumento cruciale per il Comune nell’affrontare e attenuare la grave questione sociale legata alla mancanza di alloggi.

Nonostante le recenti rassicurazioni da parte del sindaco Damiano Tommasi e della presidente di Agec Anita Viviani, che escludevano la vendita delle farmacie Agec, il tema sarà nuovamente oggetto di discussione nella coalizione che appoggia il sindaco. Il PD, ponendo l’accento sull’importanza della questione abitativa, invita ad un dibattito approfondito con la coalizione di governo.

Durante un seminario svoltosi il 2 dicembre, a cui hanno partecipato sindacati e associazioni, il PD ha presentato proposte volte a mitigare la problematica abitativa in città, tra cui figurava l’opzione di vendere le attività di Agec per finanziare la costruzione di alloggi popolari. Questa proposta ha suscitato perplessità in Massimo Meneghetti, segretario di Femca Cisl Verona, che ha sollecitato chiarimenti da parte delle autorità cittadine, ricevendo assicurazioni sulla non vendita delle farmacie Agec, perlomeno per il momento.

Il PD, tramite figure chiave come il segretario provinciale Franco Bonfante e gli assessori Elisa La Paglia e Federico Benini, insiste sulla necessità di un dialogo con la coalizione di governo per affrontare la crisi abitativa. I dati forniti dal PD evidenziano l’urgenza della situazione, con un elevato numero di sfratti esecutivi e famiglie in attesa di alloggi, oltre a persone senza fissa dimora che necessitano di un alloggio adeguato.

La proposta iniziale del PD è quella di istituire un tavolo di lavoro dedicato alla questione abitativa, guidato dal sindaco e aperto a tutti gli interessati. In parallelo, il partito suggerisce di utilizzare strutture inattive per fornire alloggi temporanei, in collaborazione con il mondo della solidarietà e la protezione civile. Il PD auspica inoltre che Agec intensifichi gli sforzi per mettere a disposizione alloggi temporanei, soprattutto per i lavoratori senza dimora e le famiglie in lista d’attesa.

Un’altra iniziativa del PD è la creazione di un “ostello sociale” per accogliere lavoratori singoli e studenti, alleviando la pressione sui dormitori esistenti. Il partito propone anche di facilitare la collaborazione tra cooperative sociali o fondazioni e proprietari di immobili, per garantire alloggi a chi ne ha bisogno. Nel medio e lungo termine, il PD enfatizza la necessità di investimenti significativi per la ristrutturazione degli alloggi Agec inutilizzati, stimando un fabbisogno di 14 milioni di euro.

Infine, il PD ripropone un’analisi dettagliata, o “due diligence”, sulle attività di Agec, al fine di valutare l’opportunità di focalizzarsi maggiormente sul core business dell’edilizia abitativa, includendo la vendita di immobili non essenziali per accelerare il processo.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Un momento di riflessione e crescita professionale in compagnia dell'ex calciatore e educatore Damiano Tommasi....
Analisi degli eventi che hanno portato all'annullamento della sfilata e alla disputa tra le parti...
Ultimatum del Comune al Bacanal del Gnoco per garantire la sicurezza della manifestazione...
Verona Tomorrow