Verona Tomorrow
Accedi

Novità 2024, aumenti nell’assegno unico familiare

Importi rinnovati e calendario pagamenti, guida aggiornata per le famiglie

A partire dal mese di gennaio 2024, verranno introdotti importanti aggiornamenti relativi all’importo dell’assegno unico per le famiglie con figli minori, in base alla loro situazione Isee. Queste modifiche apportano un incremento nei sussidi, con una particolare attenzione alle esigenze delle famiglie in base al costo della vita e alle variazioni dell’inflazione registrate nel 2023, fissate al 5,4% da un recente decreto governativo.

Le nuove disposizioni prevedono un incremento significativo per le famiglie con bambini sotto l’anno di età e per quelle con tre o più figli e un Isee al di sotto dei 40mila euro. L’importo massimo per ogni figlio potrà raggiungere i 200 euro (in precedenza 189 euro), mentre l’importo minimo sarà leggermente superiore ai 57 euro, rispetto ai 54 euro del 2023. Il limite base dell’Isee è stato alzato a 17.139,25 euro, con un conseguente aumento dell’assegno a 199 euro per figlio sotto tale soglia. Per le famiglie con un Isee superiore a 45.704 euro, l’assegno minimo sarà di 57 euro.

Le famiglie con figli con disabilità o non autosufficienti fino ai 21 anni vedranno un aumento dell’assegno, che varierà a seconda del grado di disabilità e dell’età dei figli. Tuttavia, gli aumenti non saranno applicati immediatamente. Nel mese di gennaio 2024, saranno ancora in vigore le cifre del 2023, con la differenza che verrà compensata nei mesi successivi.

Per quanto riguarda i pagamenti, l’Inps ha annunciato che verranno effettuati a metà mese nelle seguenti date per il 2024:

  • 17-19 gennaio,
  • 16-20 febbraio,
  • 18-20 marzo,
  • 17-19 aprile,
  • 15-17 maggio,
  • 17-19 giugno

Ci sono delle eccezioni per le famiglie che ricevono l’assegno per la prima volta o che hanno segnalato delle variazioni; in questi casi, i pagamenti saranno effettuati nell’ultima settimana del mese successivo alla presentazione della domanda. Le famiglie che già percepiscono l’assegno hanno tempo fino al 29 febbraio per aggiornare il loro Isee e ricevere l’importo adeguato in marzo. In caso di comunicazione dell’Isee aggiornato entro il 30 giugno 2024, gli arretrati saranno corrisposti nel mese di luglio.

Infine, è importante sottolineare che il processo per ottenere l’Isee è semplificato attraverso la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), che può essere presentata attraverso il portale Inps, sia autonomamente che con l’assistenza di un Centro di Assistenza Fiscale (Caf). Questo passaggio è fondamentale per accedere agli aggiornamenti dell’assegno unico e garantire che le famiglie ricevano il sostegno adeguato in base alla loro situazione economica.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Verona Tomorrow