Verona Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Verona si tinge di blu, un segnale contro le guerre

Palazzo Barbieri illumina la notte in memoria delle vittime vivili dei conflitti

L’edificio amministrativo di Verona si è tinto di blu in segno di protesta contro le aggressioni ai danni della popolazione civile.

L’azione si colloca all’interno di una più ampia campagna di consapevolezza, in concomitanza con la celebrazione nazionale dedicata alle vittime civili dei conflitti bellici.

La facciata di Palazzo Barbieri è stata illuminata con le parole: “Stop alle bombe sui civili“. Bambini, donne e uomini vengono crudelmente colpiti, famiglie spezzate, esistenze irrimediabilmente compromesse”. Con questo gesto, l’ente locale ha manifestato la sua ferma opposizione a ogni forma di guerra, aderendo alla giornata promossa dall’Anci dedicata alle vittime civili dei conflitti a livello globale, ricorrenza che si è tenuta il primo febbraio.

Quest’anno l’evento ha assunto un’importanza ancora maggiore. Una comunicazione ufficiale del Comune evidenzia: “L’attuale situazione a Gaza, seguita all’attacco di Hamas del 7 ottobre e alla risposta di Israele, è oggetto di grande attenzione da parte della diplomazia internazionale, dei mass media e dell’opinione pubblica mondiale. Tuttavia, ciò rappresenta solamente una delle numerose guerre in corso. Si stima che nell’ultimo anno le vittime civili abbiano superato le 33.000 in circa trenta conflitti, un numero senza precedenti dal 2010, una situazione aggravata dal persistente conflitto in Ucraina e dall’intensificarsi delle tensioni tra Israele e Palestina”.

L’iniziativa mira a sensibilizzare sulle tragedie vissute e attualmente in corso, che hanno colpito bambini, donne e anziani, portando alla perdita di vite e alla distruzione del tessuto familiare. La serata del primo febbraio ha visto Palazzo Barbieri illuminarsi di blu e la proiezione della scritta “Stop alle bombe sui civili”, come simbolo del ricordo delle sofferenze patite dai civili nelle guerre passate e per stimolare una riflessione sull’impatto dei conflitti attuali sulla popolazione civile, con particolare riferimento agli attuali scenari in Medio Oriente e in Ucraina.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Un giorno in più di attesa per la riapertura della galleria che collega l'Adige al...
Vaccinazione e screening, armi vincenti contro il virus...
con un piano di investimenti che promette una trasformazione entro l'estate 2025....
Verona Tomorrow