Verona Tomorrow
Accedi

Ripristino IVA sul gas nel 2024, impatto sulle bollette energetiche

Il governo Italiano reintroduce l'IVA ordinaria sul gas, influenzando i costi delle famiglie

Il Governo ha recentemente annunciato il ripristino dell’IVA ordinaria sul gas a partire da gennaio 2024, dopo oltre due anni di agevolazione al 5%. Questa decisione comporterà un aumento significativo nei costi energetici per i consumatori, poiché l’IVA tornerà al 22%, in base ai consumi individuali.

Questa modifica normativa rappresenta una svolta significativa per il mercato del gas italiano. Oltre al ritorno all’IVA ordinaria, è prevista la fine della Maggior Tutela gas, ad eccezione dei “vulnerabili”. Questa nuova struttura fiscale sostituirà l’IVA agevolata che è stata applicata indipendentemente dal livello di consumo, dal quarto trimestre del 2021 fino alla fine del 2023. Il mancato rinnovo della misura da parte del Governo ha portato a questa decisione di ripristinare l’IVA ordinaria nel nuovo anno.

Questa modifica avrà un impatto significativo sulle bollette energetiche delle famiglie italiane. Segugio.it ha calcolato che per una famiglia tipo, con un consumo annuo di 1.400 Smc e una fornitura attiva nel comune di Milano, ci sarà un aumento delle spese del +13% rispetto a quanto sarebbe stato con l’IVA agevolata. Tuttavia, per famiglie con consumi più bassi, come quelle con un consumo annuo di 400 Smc, l’incremento sarà inferiore, pari al +8%.

Un aspetto positivo è che coloro che hanno attivato una tariffa indicizzata al PSV potranno beneficiare di un prezzo più basso del gas nei primi mesi del nuovo anno, con l’indice del mercato all’ingrosso che è sceso da circa 45 centesimi a 38 centesimi per Smc, registrando una diminuzione del 15%. In generale, il prezzo del gas per il 2024 è previsto essere intorno ai 40 centesimi per Smc, un valore simile a quello registrato a luglio 2021, prima della crisi energetica.

Tuttavia, considerando l’effetto combinato dell’IVA e il calo dei prezzi all’ingrosso, si prevede che una famiglia tipo vedrà un aumento delle spese energetiche del +6% tra dicembre 2023 e gennaio 2024, mantenendo costanti i livelli di consumo.

Questa decisione del Governo avrà un impatto significativo sulle finanze delle famiglie italiane, che dovranno adattarsi a una nuova struttura fiscale per l’energia e monitorare attentamente i loro consumi energetici per gestire al meglio il bilancio familiare.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Verona Tomorrow