Verona Tomorrow
Accedi

Parcheggi dedicati ai monopattini e alla micro mobilità: Verona introduce una soluzione contro la sosta selvaggia

Una rivoluzionaria iniziativa per migliorare la mobilità urbana e ridurre il caos delle soste non autorizzate.

In un’imminente iniziativa che prenderà il via nei primi mesi dell’anno prossimo, Verona sta affrontando il problema della sosta selvaggia dei monopattini e altri dispositivi di micro mobilità elettrica. Saranno realizzati ben 511 nuovi stalli per bici, ciclomotori, motoveicoli e, in particolare, 40 di essi saranno esclusivamente dedicati ai monopattini. Questa soluzione mira a risolvere il problema della sosta in spazi non idonei, come marciapiedi e bordi stradali, che spesso causa disagi alla viabilità. È importante sottolineare che questa iniziativa non riguarderà solamente i monopattini ma coinvolgerà anche velocipedi, ciclomotori e motoveicoli.

La giunta comunale di Verona ha annunciato questa iniziativa il 15 dicembre, individuando preliminarmente 511 nuovi stalli da realizzare in diverse aree, tra cui la zona a traffico limitato, il centro storico e le aree circostanti. Questa sarà una sperimentazione iniziale per valutare l’efficacia della soluzione, con l’obiettivo di estenderla a altre zone della città se si dimostrerà efficace. Nel frattempo, verrà ampliato il concetto di “parcheggio virtuale” dei monopattini, che consentirà ai rider di lasciare i dispositivi solo in determinate aree, gestite tramite un’app.

La definizione definitiva degli stalli avverrà in collaborazione con le circoscrizioni coinvolte, garantendo un coinvolgimento diretto delle comunità locali. Gli stalli, che verranno chiamati “stalli scooter”, saranno polivalenti, consentendo la sosta di velocipedi, ciclomotori, motoveicoli e monopattini. Dei 511 nuovi parcheggi, ben 40 saranno dedicati esclusivamente ai monopattini. Questi stalli saranno facilmente riconoscibili grazie al colore giallo e a una segnaletica orizzontale con il simbolo del monopattino. Gli altri stalli saranno di colore bianco e contrassegnati da una segnaletica verticale apposita.

Inoltre, l’intervento di segnaletica stradale previsto per questa iniziativa avrà un costo complessivo di 40mila euro ed è programmato per iniziare nei primi mesi del 2024.

L’assessore alla mobilità, Tommaso Ferrari, ha dichiarato: “Per i monopattini, così come i velocipedi e più in generale per la smart mobility, è necessario che venga regolamentata la sosta, come già avviene in molte città. Partiamo con una sorta di sperimentazione in zona a traffico limitato, che sarà definita in collaborazione con la prima circoscrizione. Nel frattempo, estenderemo ad altre zone della città il parcheggio virtuale dei monopattini. E lo step successivo sarà valutare l’efficacia del provvedimento per poi estenderlo ad altri quartieri”.

In questo modo, Verona sta adottando un approccio innovativo per affrontare il problema della sosta selvaggia dei monopattini e migliorare la mobilità urbana, assicurando una maggiore sicurezza e ordine nelle strade della città.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

La tecnologia della "scatola nera" offre un'alternativa intelligente per ridurre l'impatto delle auto inquinanti nella...
Svelate le date e le novità del test di ammissione alla facoltà di Medicina e...
La celebre festa tornerà ad animare le strade di Verona alla fine di aprile, dopo...
Verona Tomorrow