Verona Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Educazione alle relazioni nelle scuole: il ministro Valditara rivoluziona l’approccio formativo

Dall'educazione alle relazioni alle riforme tecniche, una panoramica delle iniziative che stanno plasmando il futuro dell'istruzione italiana.

Il ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, ha annunciato con entusiasmo durante il Salone Nazionale dell’Orientamento a Verona la firma della Direttiva ministeriale sull’educazione alle relazioni. Questa iniziativa, presentata durante la 32esima edizione di Job&Orienta, rappresenta un passo significativo nel contrasto alla violenza e discriminazione di genere, temi che il governo italiano ha a cuore in modo particolare.

La Direttiva è indirizzata a tutte le scuole secondarie di secondo grado, e il ministro ha dato disposizione di affrontare, durante le ore di educazione civica e non solo, i delicati temi legati all’educazione alle relazioni. Il progetto prevede la creazione di gruppi di discussione, un percorso formativo curato da Indire, la collaborazione dell’Ordine degli psicologi e un monitoraggio finale.

Valditara ha evidenziato l’importante ruolo degli studenti in questo percorso, sottolineando che saranno protagonisti nei gruppi di discussione, contribuendo in modo attivo e costruttivo. Il progetto prevede 30 ore di formazione nell’arco di un anno, con un budget di 15 milioni di euro messo a disposizione per i docenti coinvolti nel percorso.

Il ministro ha enfatizzato la volontà di coinvolgere tutte le parti interessate nella costruzione di questo progetto, incluso un dialogo con associazioni di genitori, studenti, docenti e sindacati.

Riforma degli istituti tecnici e professionali

Durante la sua presenza a Verona, il ministro Valditara ha toccato anche il tema della riforma della filiera scolastica tecnico-professionale. La novità principale è l’introduzione del nuovo modello 4+2, che coinvolgerà fino al 30% degli istituti tecnici e professionali a partire dall’anno scolastico 2024-25. Questa riforma prevede un percorso ridotto a 4 anni di scuola superiore e 2 anni di ITS Academy, gli istituti tecnologici professionalizzanti.

Piattaforma “Unica”: innovazione digitale per l’orientamento

Nel pomeriggio, il ministro ha presentato la piattaforma digitale “Unica“, dedicata agli studenti e alle famiglie. Questo strumento online è stato progettato per offrire un punto d’accesso unico a tutti i servizi digitali, facilitando la consultazione di informazioni utili per una scelta consapevole del percorso scolastico e post-scolastico.

Attraverso “Unica“, gli utenti potranno fruire in modo organico e personalizzato di servizi digitali relativi all’orientamento, alle istruzioni, ai pagamenti e alle iniziative di sostegno del diritto allo studio. La piattaforma consentirà anche di seguire facilmente l’iter scolastico e di tenere traccia dei principali traguardi attraverso l’E-portfolio, un documento digitale sempre accessibile agli studenti e alle famiglie.

Il ministro ha sottolineato che, grazie alle nuove figure del tutor e del docente orientatore, la formazione diventa personalizzata, strutturata come un abito sartoriale e costruita sulle potenzialità di ciascun giovane. Queste figure sono previste dalla riforma del sistema di orientamento, inclusa nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza nell’ambito della missione dedicata all’istruzione e ricerca. Con queste innovazioni, il governo italiano si impegna a fornire strumenti efficaci per una formazione mirata e orientata al futuro.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Sicurezza e coraggio, il ruolo chiave di un addetto alla vigilanza nella gestione di un...
Il reparto ortopedico dell'ospedale Mater Salutis adotta il sistema robotico "Mako" per garantire maggiore precisione...
Verona accoglie l'outdoor con l'installazione di tavoli in PVC riciclato...
Verona Tomorrow