Verona Tomorrow
Accedi

Cambio al vertice a Pescantina, Quarella lascia la carica di sindaco

Tensioni politiche e accuse internazionali portano alle dimissioni di Davide Quarella

A Pescantina, una svolta politica significativa ha scosso l’amministrazione comunale. Davide Quarella, fino a ora primo cittadino della città, ha annunciato la sua rinuncia alla carica. Questo gesto è il culmine di una serie di sfide interne che hanno afflitto la sua maggioranza, portandola infine alla perdita di coesione e efficacia.

Nel suo messaggio alla comunità, Quarella ha condiviso i motivi che hanno portato a questa decisione drastica. Ha evidenziato come la continua lotta per il potere e i contrasti personali all’interno della sua amministrazione abbiano gravemente ostacolato la gestione efficiente degli affari della città. Secondo lui, questi fattori hanno reso impossibile mantenere una maggioranza unita e operativa, obbligandolo a verificare costantemente la stabilità del suo governo.

Nonostante la sua esperienza e dedizione, Quarella si è trovato di fronte a un bivio, optando per un passo difficile ma indispensabile per il bene della comunità: la dimissione. Ha inoltre chiarito la sua posizione personale, affermando che non ha mai tratto vantaggi personali dal suo ruolo pubblico, sottolineando il suo impegno a vivere onestamente.

Quarella ha poi rivolto specifiche accuse verso il suo vice, Davide Pedrotti, membro di spicco della Lega. Secondo il sindaco uscente, Pedrotti ha svolto un ruolo cruciale nella creazione di tensioni politiche, causando divisioni significative all’interno della coalizione di centrodestra. Quarella sostiene che l’atteggiamento di Pedrotti, particolarmente nelle decisioni relative alla distribuzione delle deleghe e nelle scelte politiche, ha contribuito in modo determinante alla crisi amministrativa attuale.

Tra le questioni specifiche citate da Quarella ci sono decisioni controversie riguardanti il bilancio, come l’uso di fondi avanzati per l’estinzione anticipata di mutui, l’assunzione di nuovo personale e il cofinanziamento di progetti di videosorveglianza. Queste scelte, ritiene Quarella, sono state influenzate negativamente dalle azioni di Pedrotti, culminando nella perdita di fondi e opportunità importanti per la città.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Verona Tomorrow