Verona Tomorrow
Accedi

Rinnovamento necessario per le piscine Castagnetti a Verona

Richiesta di cambiamento per superare le disfunzioni strutturali e dell'igiene

La situazione attuale delle piscine Castagnetti a Verona, intitolate ad Alberto Castagnetti, sta sollevando preoccupazioni significative. Segnalazioni di acqua fredda e scarsamente igienizzata nelle vasche, oltre a problemi negli spogliatoi, stanno emergendo come questioni urgenti. Giorgio Pasetto, presidente della Fondazione Bentegodi, attribuisce la responsabilità di questi problemi alle precedenti amministrazioni, sottolineando la necessità di un cambiamento decisivo.

Le piscine, di proprietà del Comune di Verona, sono attualmente gestite dalla Federazione Italiana di Nuoto (FIN), che vi svolge anche l’allenamento degli atleti della squadra nazionale. Nonostante i tentativi di risolvere i problemi esistenti, che risalgono a prima della pandemia di COVID-19 e sono parzialmente attribuibili all’anzianità dell’impianto, la situazione rimane critica. Pasetto riconosce che le condizioni attuali non sono sostenibili, ma insiste sul fatto che le colpe vadano attribuite alle amministrazioni passate e non a quelle attuali.

Pasetto, rispondendo alle crescenti critiche, propone un dibattito pubblico sulla gestione e il rinnovamento delle strutture sportive della città, inclusa la piscina di Via Galliano. Evidenzia l’importanza della collaborazione tra la federazione e l’attuale amministrazione comunale per superare l’inerzia del passato. Il suo piano prevede un progetto pluriennale che coinvolga associazioni, federazioni e partner privati, con l’obiettivo di fornire a Verona infrastrutture sportive all’altezza della sua tradizione nel nuoto. Questo piano mira a garantire che Verona non sia compromessa da una situazione strutturale inadeguata, in linea con il suo prestigioso background sportivo.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Verona Tomorrow