Verona Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Alta partecipazione allo sciopero generale nei settori privati di manifattura, servizi e agricoltura

L'iniziativa di CGIL e UIL svela il malcontento dei lavoratori italiani. Altissima adesione nell'azienda Bauli con l'89% dei dipendenti che ha aderito allo sciopero.

Nelle regioni del nord Italia, compreso il Veneto, si è svolto ieri, 24 novembre, uno sciopero generale proclamato dalla Cgil e dalla Uil. L’adesione è stata sorprendentemente alta, superando le aspettative, e ha coinvolto principalmente i dipendenti dei settori privati, tra cui la manifattura, i servizi e l’agricoltura.

Lo sciopero, della durata di otto ore, ha interessato categorie di lavoratori che non avevano già scioperato a livello nazionale il venerdì precedente, il 17 novembre. Questo significa che il pubblico impiego, il personale scolastico e universitario, i dipendenti delle poste e dei trasporti non hanno partecipato allo sciopero. Al contrario, i dipendenti dei settori privati hanno aderito in massa.

Un esempio significativo di alta adesione allo sciopero si è verificato presso l’azienda Bauli, dove ben l’89% dei dipendenti ha deciso di astenersi dal lavoro. Tuttavia, anche in altre fabbriche e aziende medio-grandi con una tradizione di sindacalizzazione radicata, si è registrata una notevole astensione dal lavoro.

Nel veronese, numerosi presidi sindacali sono stati organizzati fin dalle prime ore del mattino di fronte a importanti stabilimenti produttivi della provincia. Inoltre, oltre 3.000 manifestanti hanno partecipato a un corteo che è partito da Piazza Cittadella e ha attraversato le strade del centro. Durante il comizio finale, è stata letta una toccante testimonianza sul tema della violenza sulle donne e dei femminicidi, evidenziando l’importanza di affrontare anche questa questione.

Francesca Tornieri, segretaria generale della Cgil Verona, e Giuseppe Bozzini, coordinatore provinciale di Verona Uil Veneto, hanno commentato l’evento sottolineando la necessità di mettere al centro dell’agenda politica questioni come i salari, le pensioni e i servizi pubblici. Hanno evidenziato il profondo malessere dei lavoratori, delusi per il mancato recupero del potere d’acquisto dei salari e l’aumento delle pensioni anticipate. Inoltre, hanno espresso preoccupazione per l’aumento della precarietà del lavoro tra i giovani a causa della liberalizzazione dei contratti atipici e a tempo determinato.

In conclusione, lo sciopero generale del 24 novembre ha dimostrato che i lavoratori italiani sono preoccupati per il loro futuro economico e sociale. È emersa la necessità di affrontare le questioni legate ai salari, alle pensioni e alla precarietà del lavoro, al fine di promuovere l’equità e la giustizia sociale nel paese.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

con un piano di investimenti che promette una trasformazione entro l'estate 2025....
Il Comune promuove interventi concreti per migliorare la qualità della vita cittadina....
Verona tra le sette sedi italiane che avviano la sperimentazione del progetto...
Verona Tomorrow