Verona Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Grande successo di Fieracavalli: oltre 140.000 gli spettatori intervenuti

Oltre 2.500 esemplari di cavalli in mostra. I visitatori provenienti da oltre 60 nazioni diverse. E già si inizia a pensare alla prossima edizione

L’edizione numero 125 di Fieracavalli, il rinomato salone internazionale dedicato al mondo equestre, ha chiuso con una nota trionfante il 12 novembre a Verona, registrando un afflusso di oltre 140mila visitatori provenienti da 60 nazioni diverse. Un risultato straordinario che ha confermato il successo della precedente edizione e che premia l’impegno e il lavoro di squadra di tutto il team di Veronafiere, come sottolineato dal presidente Federico Bricolo.

Ma cosa ha reso così speciale questa edizione di Fieracavalli? Innanzitutto, la manifestazione ha confermato il suo ruolo di guida nella community equestre nazionale, come dimostrato dalle visite istituzionali di quattro ministri. Quest’anno, il protagonista indiscusso è stato il mondo dei cavalli, con 2.500 esemplari di 60 diverse razze in mostra, tra cui la leggenda del trotto mondiale, Varenne, che ha ricevuto un meritato riconoscimento alla carriera.

Un momento clou della fiera è stata la finale dell’unica tappa italiana della Longines Fei Jumping World Cup, che ha visto il britannico Ben Maher trionfare in sella a Dallas Vegas Batilly, regalando al pubblico spettacolo e adrenalina.

Ma Fieracavalli non è solo sport e spettacolo: sono state ben 700 le aziende espositrici provenienti da 25 paesi diverse, insieme a 35 associazioni allevatoriali. Inoltre, sono arrivate 25 delegazioni di acquirenti provenienti da mercati strategici come Brasile, Canada, Cile, Cina, Ungheria, India, Indonesia, Messico, Oman, Paraguay, Perù, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Uruguay, confermando l’importanza internazionale della manifestazione.

Maurizio Danese, amministratore delegato di Veronafiere, ha sottolineato l’unicità del format di Fieracavalli, che riesce a coniugare business, spettacolo, sport, allevamento e aspetti sociali. Quest’anno, l’attenzione è stata posta sulla sicurezza e il benessere degli animali, con il progetto Horse Safety System, e sull’equiturismo, con l’introduzione del Salone del Turismo Rurale e dei Prodotti Tipici.

Un aspetto fondamentale è stato anche la rivisitazione del layout del quartiere, con la creazione dell’Horse Safety Loop, che ha permesso di separare le aree destinate ai cavalli da quelle per i visitatori, garantendo il benessere degli animali e la sicurezza di tutti.

Per garantire il rispetto del codice etico in fiera, è stato istituito un comitato scientifico e un comitato di indirizzo, composti da un team operativo di 40 persone tra esperti, veterinari e guardie zoologiche. Hanno lavorato in sinergia con i volontari dell’associazione “Progetto Islander Onlus” e aggiornato costantemente la sezione “Horse Safety System” del portale di Fieracavalli.

Ma Fieracavalli non si è limitata all’aspetto commerciale e sportivo. Quest’anno, Veronafiere ha deciso di alzare l’asticella anche nel campo sociale, coinvolgendo più di 20 associazioni del terzo settore direttamente nella manifestazione e sostenendo il progetto di ippoterapia “Riding The Blue”. Inoltre, le tre serate del Gala d’Oro Arté sono state dedicate a temi di sensibilizzazione, come la violenza sulle donne, l’inclusione lavorativa delle persone affette dalla sindrome di Down e l’iniziativa Ri.Abilitiamoci, dedicata ai bambini oncologici.

La prossima edizione di Fieracavalli è già in programma dal 7 al 10 novembre 2024. Non perdete l’occasione di vivere un’esperienza unica nel mondo dell’equitazione e del benessere animale.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Verona accoglie l'outdoor con l'installazione di tavoli in PVC riciclato...
con un piano di investimenti che promette una trasformazione entro l'estate 2025....
Risvegliare l'antica e gloriosa Colonia Ubalda di Ceriale: un'opportunità in attesa per la provincia di...
Verona Tomorrow