Verona Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Previsioni meteo a Verona: aumento delle temperature ed effetto del vento di Foehn

Le tendenze climatiche attuali e le implicazioni del vento di Foehn sui cambiamenti meteo

Nel corso di questo mese, non abbiamo assistito a temperature così elevate dal lontano 22 dicembre 1989, quando la città ha toccato una temperatura massima di 18,3 gradi. Anche in zone più elevate, come Bosco ed Erbezzo, abbiamo registrato valori eccezionalmente caldi con temperature che si sono avvicinate ai 15 gradi.

Alcune città nella Valpadana hanno persino raggiunto temperature tipiche del mese di maggio, come Bologna, Modena e Ferrara, con temperature che si sono avvicinate ai 24 gradi .

Tuttavia, il clima sta subendo un cambiamento significativo. Nonostante il sole continuerà a splendere, le temperature scenderanno gradualmente, raggiungendo massime di soli 13 gradi già nella giornata odierna.

Questa straordinaria ondata di caldo è stata causata dal vento di “foehn” che ha interessato il nord Italia. Il “foehn” è un vento caldo subalpino che, discendendo dalle montagne verso la pianura padana, subisce una compressione che porta a un notevole aumento delle temperature. È anche un vento molto secco, il che spiega la frequenza degli incendi sulle Prealpi occidentali.

In Veneto, il vento di “foehn” è raramente avvertito, con l’eccezione della zona veronese, poiché le Alpi hanno un’altitudine minore in questa regione.

Per quanto riguarda le previsioni per i prossimi giorni, ci aspettiamo giornate più fresche con temperature massime inferiori di almeno 6-7 gradi rispetto ai picchi precedenti. Il tempo rimarrà stabile fino alla fine della prossima settimana, ma le temperature continueranno a scendere gradualmente.

Tra oggi e Santo Stefano, ci aspettiamo cielo sereno o solo leggermente nuvoloso, ma con temperature più basse. Il vento di “foehn” cesserà, portando a una diminuzione delle temperature diurne, che si manterranno tra i 10 e i 13 gradi, valori ancora superiori alle medie stagionali di 5-6 gradi.

Nella seconda metà della settimana, ci aspettiamo un aumento delle nuvole e temperature più fresche, con possibile pioggia tra San Silvestro e Capodanno.

Infine, verso la fine dell’anno, potrebbero verificarsi cambiamenti significativi. Le correnti atlantiche potrebbero portare aria fredda nord-atlantica nel Mediterraneo, causando depressioni e portando qualche pioggia nelle pianure e neve sulle montagne sopra i 1.500 metri.

Per quanto riguarda gennaio, i modelli previsionali non indicano al momento inversioni di tendenza significative. Tuttavia, entro l’Epifania, l’evoluzione delle condizioni meteorologiche rimane incerta, e un possibile spostamento dell’alta pressione verso la Scandinavia potrebbe portare la prima vera ondata invernale della stagione. Restiamo in attesa di ulteriori aggiornamenti in merito alle previsioni a lungo termine.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

La recente nevicata mette in allerta automobilisti e autorità locali: scopri le previsioni meteo per...

Il meteo si fa più invernale e imprevedibile con l’arrivo dell’Epifania e l’approccio di un’aria...

La qualità dell'aria nel Comune di Verona è in netto peggioramento...
Verona Tomorrow